Scuola dell'infanzia

Ambienti misteriosi (ultimo anno)

“Ambienti/Environments” di Lucio Fontana

Valido dal 21 settembre 2017 al 25 febbraio 2018

A cura di Marta Tedolfi

Premessa
Lucio Fontana (Rosario, Argentina 1899 – Varese, 1968) è stato una delle figure più importanti della scena artistica internazionale del Novecento.
La mostra “Ambienti/Environments” raccoglie per la prima volta nove Ambienti spaziali, realizzati tra il 1949 e il 1968, la cui natura effimera implicava la distruzione ad esposizione conclusa.  In questi lavori, ricostruiti grazie a documenti d’archivio e alla consultazione di collaboratori dell’artista, Fontana unisce pittura, scultura e architettura nel tentativo di superare la concezione tradizionale e statica dell’opera d’arte, per creare uno spazio esperibile e percorribile dal pubblico.
Ogni ambiente è concepito come una stanza in cui la percezione fisica e visiva dello spazio è sollecitata da diversi strumenti, come l’utilizzo del monocromo, del neon, della lampada di Wood, di colori fluorescenti e la costruzione di spazi labirintici e corridoi.

Aree di riferimento

  • Discorsi e parole
  • Il corpo in movimento
  • Linguaggi, creatività, espressione

Obiettivi educativi

L’obiettivo principale della visita guidata è avvicinare i bambini a nuove tecniche espressive, stimolando attraverso il dialogo la capacità di osservazione delle opere d’arte.
In particolar modo gli alunni saranno invitati a riflettere sulle connessioni tra esterno e interno, contenitore e contenuto, affinché sviluppino la loro immaginazione e capacità descrittiva durante l’esplorazione degli Ambienti spaziali presenti in mostra.

Attività
L’attività di laboratorio è suddivisa in due parti. Durante la visita guidata in mostra, ai bambini verrà chiesto di immaginare e descrivere con fantasia cosa potrebbe celarsi all’interno delle stanze nere  degli Ambienti spaziali. Dopo averli esplorati, gli alunni dovranno rappresentare con i diversi materiali messi a disposizione, l’esperienza di scoperta vissuta.

Approfondimenti

Luci nel buio (ultimo anno)

"Ambienti/Environments" di Lucio Fontana

Valido dal 21 settembre 2017 al 25 febbraio 2018

Premessa
Lucio Fontana (Rosario, Argentina 1899 – Varese, 1968) è stato una delle figure più importanti della scena artistica internazionale del Novecento.
Affascinato dal cosmo e consapevole dei nuovi orizzonti prospettati dalle scoperte scientifiche dell’epoca, Fontana, attraverso gli ambienti, proseguiva la sperimentazione con il vuoto e la luce come mezzo per generare spazio, introducendo tecniche e materiali innovativi come neon, vernice fluorescente, gomma, e anticipando la ricerca del movimento Light and Space, nato negli Stati Uniti tra gli anni ’60 e ’70.

Aree di riferimento

  • Immagini, suoni, colori
  • Linguaggi, creatività, espressione
  • La conoscenza del mondo

Obiettivi educativi
L’obiettivo principale della visita guidata è avvicinare i bambini a nuove tecniche espressive, stimolando attraverso il dialogo la capacità di osservazione delle opere d’arte.
In particolar modo gli alunni saranno invitati a riflettere sulla connessione tra luce e buio e sull’importanza del cambiamento del punto di vista.

Attività
I bambini, ispirandosi agli ambienti e alle installazioni visti in mostra, saranno invitati a creare un oggetto che potrà illuminarsi diventando un elemento in continua evoluzione in rapporto alla presenza o assenza di luce. L’attività  si concluderà con la presentazione e l’attivazione degli oggetti realizzati da parte di tutti i bambini.

Approfondimenti

Inseguendo una stella (ultimo anno)

“I Sette Palazzi Celesti 2004-2015” di Anselm Kiefer

Premessa
L’installazione di Anselm Kiefer è una perfetta scenografia per immaginare storie fantastiche e condurre i bambini alla scoperta delle profondità del cielo e per conoscere da vicino i suoi abitanti: le stelle. L’artista stesso le sceglie come custodi di una delle torri, presentandole sotto forma di frammenti di vetro. Ma come sono fatte veramente le stelle? Da cosa nascono? Vivono in eterno?

Aree di riferimento
•  Linguaggi, creatività, espressione
•  La conoscenza del mondo

Obiettivi educativi
Il bambino imparerà in maniera giocosa un concetto complesso come quello della nascita delle stelle, apprendendo come il loro calore  nasca dall’agitazione e dall’unione di particelle di gas e polvere presenti nell’universo. Con l’ausilio di materiale visivo, scoprirà le loro vere sembianze (le punte sono solo una convenzione che l’uomo ha inventato per disegnarle), le materie che le compongono, l’origine della loro luminosità e il loro ciclo biologico.

Attività
La spiegazione della nascita di una stella viene introdotta direttamente durante la visita de I Sette Palazzi Celesti 2004-2015. Tornati in laboratorio, tramite il supporto di materiali visivi,  i partecipanti osserveranno direttamente sembianze, forme, composizioni e colori che le stelle assumono nell’universo. I ragazzi saranno quindi invitati a creare la loro personale e fantasiosa stella tramite l’utilizzo dei vari materiali colorati e luccicanti messi a loro disposizione.

Approfondimenti

La storia siamo noi (ultimo anno)

“I Sette Palazzi Celesti 2004-2015” di Anselm Kiefer

Premessa
Anselm Kiefer è da sempre conosciuto come “l’artista della Storia”, in particolare quella tedesca, poiché le sue opere nascono da una profonda riflessione sul tema della memoria e del “come ricordare”. Ognuno di noi ha una propria storia ricca di avvenimenti e incontri che ne hanno determinato il corso: si vuole far dunque comprendere ai ragazzi che la loro personalità è influenzata da molteplici fattori che l’attività si prefigge di lasciar emergere.

Aree di riferimento
• Linguaggi, creatività, espressione
• Discorsi e parole
• Il sé e l’altro

Obiettivi educativi
Il laboratorio mira a sottolineare l’importanza della storia individuale, dei ricordi personali e familiari quali unità costituenti della memoria collettiva. Il ragazzo prenderà consapevolezza della sua personalità come frutto delle esperienze vissute e della sua esistenza che va oltre il presente, legandosi indissolubilmente alla storia del proprio contesto.

Attività
Partendo dalla riflessione sull’importanza della memoria nella poetica di Anselm Kiefer, agli studenti sarà chiesto di individuare persone, cose o luoghi che per loro rivestono un particolare significato. Immaginando di poter raccogliere da terra i “Quadri cadenti” di Anselm Kiefer, si chiede di pensare a cosa vorrebbero veder rappresentato all’interno delle cornici; facendo uso del materiale di riciclo messo a loro disposizione, ciascun ragazzo realizzerà il proprio quadro ed il rispettivo “contenuto”.

Approfondimenti