Juan Muñoz - Conversazione

25.06.2015 – Ore 21.00

Un luogo di straordinaria bellezza. Arte, letteratura e finzione

Una conversazione tra Enrique Vila-Matas e Chus Martínez.
Modera Roberto Pinto

Giovedì 25 giugno 2015 alle ore 21, HangarBicocca presenta Un luogo di straordinaria bellezza. Arte, letteratura e finzione: il quarto appuntamento del Public Program dedicato alla mostra di Juan Muñoz “Double Bind and Around” – organizzato in collaborazione con Feltrinelli – è una conversazione all’aperto nel giardino di HangarBicocca tra lo scrittore spagnolo Enrique Vila-Matas e la curatrice e teorica dell’arte Chus Martínez, intorno al possibile dialogo tra i linguaggi dell’arte e quelli della narrazione. Moderato dallo storico dell’arte Roberto Pinto, l’incontro prende spunto dal romanzo di Vila-Matas Kassel non invita alla logica (Feltrinelli, 2015), un racconto sul filo dell’ironia sullo spaesamento dello scrittore invitato nel 2012 a partecipare a dOCUMENTA(13), la più autorevole manifestazione dedicata all’arte contemporanea che si svolge in Germania ogni cinque anni e di cui Chus Martínez è stata co-curatrice.

Vila-Matas, in un gioco di specchi tra identità vere e fittizie, racconta il proprio progressivo immergersi nel linguaggio dell’arte tra stratagemmi di difesa e di irresistibile attrazione nei confronti di opere di arte contemporanea vere e immaginarie, fino a riconoscere la possibile affinità tra i percorsi non lineari della propria scrittura e la pratica di molta arte contemporanea. La capacità di affrontare questioni teoriche attraverso la narrativa e il continuo mescolarsi di realtà e illusione sono solo alcuni dei punti che accomunano la scrittura di Vila-Matas e l’arte di Juan Muñoz: due grandi personaggi del nostro tempo che hanno utilizzato la parola e l’immagine come possibile modalità di conoscenza e di scoperta al di fuori delle categoria della logica e della narrazione lineare.

Enrique Vila-Matas (Barcellona, Spagna, 1948) è autore di una vasta, provocatoria e personalissima opera narrativa, insieme intimista e sperimentale, elegante e sfrontata, che include romanzi, volumi di racconti, articoli e saggi. Feltrinelli ha pubblicato Il mal di Montano (2005), Parigi non finisce mai (2006), Dottor Pasavento (2008), Storia abbreviata della letteratura portatile (2010), Dublinesque (2010), Esploratori dell’abisso (2011), Un’aria da Dylan (2012) e Kassel non invita alla logica (2015). Cavaliere della Legion d’Onore della Repubblica francese, tradotto in ventinove lingue, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali.
Chus Martínez (Ponteceso – La Coruña, Spagna, 1972) ha fatto studi di filosofia e attualmente è Direttrice dell’Istituto di Arte della FHNW Academy of Arts and Design di Basilea. É stata curatrice del padiglione catalano alla Biennale di Venezia 2015 con una mostra personale dell’artista e filmmaker Albert Serra. In passato è stata Chief Curator del Museo del Barrio, New York e Head of Department e membro del Core Agent Group. dOCUMENTA (13), Chief Curator del MACBA, Barcelona (dal 2008 al 2011), Direttrice della Frankfurter Kunstverein (2005–2008) e Direttore Artistico di Sala Rekalde, Bilbao (2002–2005). Collabora regolarmente con diverse testate internazionali tra cui Artforum.

La conversazione è il quarto appuntamento del Public Program di HangarBicocca, ideato e coordinato da Giovanna Amadasi, che accompagna la mostra “Double Bind & Around” di Juan Muñoz mettendo in luce la molteplicità e ricchezza di rimandi culturali che caratterizzano il lavoro dell’artista. 

Foto © Nils Klinger