Proiezione

22.11.2012 – Ore 21.00

Il ritmo della tecnologia – Cinque film d’autore tra arte, ricerca, industria

In occasione della XI edizione della Settimana della Cultura d’Impresa HangarBicocca propone una serata che esplora, attraverso cinque rari film di ricerca realizzati tra gli anni Cinquanta e Settanta, il rapporto tra le sperimentazioni visive e cinematografiche e le tematiche legate alla tecnologia e alle innovazioni dell’industria. Una carrellata di titoli di giovani autori poi diventati grandi maestri delle arti visive e del cinema che mette in luce come nei decenni successivi al dopoguerra lo scambio tra industria e linguaggi contemporanei fosse, in Italia e in Europa, davvero intenso e biunivoco.
Se infatti da un lato le imprese si servivano di artisti e registi all’avanguardia per comunicare i propri valori di innovazione e ricerca, dall’altro gli artisti erano affascinati dalle immagini e dai ritmi della produzione industriale e dalle possibilità offerte dalle nuove tecnologie. Da La Canzone del Polistirene, primo cortometraggio di Alain Resnais, ad Arte Programmata, che documenta la storica mostra organizzata da Bruno Munari, ai due rari film giovanili del regista di culto Edgar Reitz su Velocità e Comunicazione, le immagini di questa rassegna raccontano la fascinazione di una generazione di creativi e intellettuali per un presente entusiasmante in cui il progresso sembrava promettere possibilità illimitate.

Programma

  • La Canzone del Polistirene; col, 1957, 12’ – Regia di Alain Resnais, testo di Raymond Queneau, traduzione di Italo Calvino
  • Kommunikation; b/n, 1961, 11’ – Regia di Edgar Reitz, musica di Josef Anton Riedl
  • Geschwindigkeit; b/n, 1962, 13’ – Regia di Edgar Reitz, musica di Josef Anton Riedl
  • Arte Programmata; b/n, 1963, 10’ – Regia di Enzo Monachesi, testi di Bruno Munari, Marcello Piccardo, Giorgio Soavi
  • Cosmotronic, Olivetti for Information; col., 1970, 4’- Regia di Adolfo Fogli con la collaborazione di Egidio Bonfanti